Epicentro e intensità - Terremoto dei Silenzi

TERREMOTO DEI SILENZI

13 dicembre 1990: la notte di Santa Lucia

Epicentro e intensità

terremoto 13 dicembre 1990Il terremoto che il 13 dicembre 1990 ha colpito la Sicilia sud-orientale ormai è passato alla storia come «il terremoto di Carlentini».
Subito dopo la forte scossa del 13.12.1990 l'epicentro venne "localizzato" nel Golfo di Noto, poi i dodici morti dei crolli di Carlentini fecero spostare l'epicentro a Carlentini o nel mare "al largo di Carlentini": in realtà le Autorità sapevano bene che il terremoto era stato localizzato in mare a pochi chilometri da Augusta, dove sorgono i grandi complessi industriali chimici e petrolchimici.


La paura che il terremoto avesse arrecato gravi danni alla zona industriale ha costretto le Autorità e gli scienziati a mentire sulla localizzazione del vero epicentro.
Solo dopo la seconda scossa tellurica del 16.12.1990 i cittadini di Augusta-Priolo-Melilli hanno saputo la verità.
I sismologi e lo stesso Ministro per il Coordinamento per la protezione Civile Lattanzio hanno confessato che a Roma «avevano temuto il peggio», ma si erano ben guardati dall'avvisare la popolazione per non "allarmarla".
Per Augusta-Priolo-Melilli anche stavolta è andata bene, ma lo Stato anche stavolta ha fatto silenzio sui rischi!

 

Terremoto 13 dicembre 1990

 

INTENSITA' E DURATA DELLA SCOSSA

Nel quadro dei tanti «silenzi di stato», delle tante «non verità» dette sul terremoto del 13 e 16 dicembre 1990 acquistano un rilievo tutto particolare le questioni della durata e dell' intensità della scossa del 13/12/90.
«Fonti ufficiose» (giornalistiche?) hanno fissato la durata del sisma in 45 secondi. Lo stesso commissario straordinario per le zone terremotate Gomez y Paloma, pur nella sua veste di ufficiale di governo, nel suo libro sul terremoto ha dichiarato di non essere riuscito a sapere la durata esatta del sisma. Sulla durata del sisma neanche l'Istituto Nazionale di Geofisica nella sua relazione del 16/01/91 riporta alcuna notizia.
Per quanto riguarda l' intensità del sisma gli organi di informazione sono stati tutti concordi fissandola nel VII grado della scala Mercalli. La magnitudo è stata valutata in 5.1 della scala Richter dall' ING.
Su questi ultimi dati, però, non sono pochi ad avere forti dubbi o perplessità.
Il territorio di Augusta attualmente risulta classificato «S-9» vale a dire "zona sismica di secondo grado" mentre secondo la carta sismica nazionale risulta classificato «S-11» cioé "zona sismica di primo grado".
In base a tale classificazione non sarebbe stato possibile costruire insediamenti chimici e petrolchimici in una zona a così alto rischio, ma poiché proprio sul territorio di Augusta e delle vicine Priolo e Melilli sorge uno dei più grandi poli petrolchimici d'Europa, per il quale gli esperti in seguito al terremoto del 13 dicembre hanno temuto il peggio, ed a causa di questo timore sin dal primo momento è stato imposto il blak-out sull'informazione, può serenamente farsi strada l'idea che, per ragion di stato, (così come per l'epicentro) non sia stata detta la verità neanche per l' intensità.
Infatti dal bollettino dell' ING, del 16/01/91 risulta che ad Augusta nella zona Borgata Nord l'intensità del sisma è stata di 8,1 gradi della scala Mercalli, vale a dire un grado superiore a quella ufficialmente ammessa.
La spiegazione "ufficiale" che ne è stata data dai tecnici è quella che la particolare natura del terreno del Quartiere Borgata (saline bonificate) abbia «amplificato» gli effetti della scossa. 
Ma non pochi, più verosimilmente, sostengono la tesi che l'informazione ufficiale sia stata pilotata per motivi politico-economici. Infatti, si può pensare più realisticamente che l'intensità della scossa sia stata superiore al IX grado, ma ammettere che la scossa abbia superato il IX grado avrebbe comportato la totale revisione degli insediamenti industriali della zona Augusta-Priolo-Melilli per cui ben comprensibili ragioni di stato avrebbero indotto le Autorità a diminuire anche se di un solo grado, il valore dell'intensità della scossa facendola rientrare in una più accettabile normalità per un territorio classificato «S-9». 
Poiché nessuno nei terribili frangenti del terremoto si è messo a cronometrare la durata del sisma, si può anche ipotizzare che la durata del sisma sia stata inferiore mentre l'intensità abbia superato anche il IX grado.

2002-2014 Terremoto dei Silenzi curato da Don Palmiro Prisutto. Edit by LaSvolta.net.

Back to top